Occhi su Salerno - Il Magazine di Salerno

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Occhi su Salerno - Il Magazine di Salerno

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 51 minuti fa S. Antonio di Padova

Date rapide

Oggi: 13 giugno

Ieri: 12 giugno

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Occhi su Salerno Costiera Amalfitana

Il Magazine di Salerno

Occhi su Salerno - Il Magazine di Salerno Il Magazine di Salerno

Caseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàSmall Boutique Hotel in Costiera Amalfitana, Villa Romana Hotel & SPAHotel Marina Riviera Amalfi - Luxury 4 Stars Holte in Amalfi - Swimming Pool - Bistrot - Gourmet

Tu sei qui: Cultura"Damnatio Memoriae", a Salerno la mostra dedicata al brigantaggio

Pasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830

Cultura

Salerno, brigantaggio, Sud Italia, mostra, cultura, storia

"Damnatio Memoriae", a Salerno la mostra dedicata al brigantaggio

La mostra, esposta a Berlino nel 2022 presso la Vulkanfiberfabrik die Werder/Havel e la prigione di Köpenick, verrà inaugurata sabato 7 ottobre presso l'Ex Chiesa dell’Addolorata di Salerno

Inserito da (PNo Editorial Board), giovedì 5 ottobre 2023 08:32:15

Damnatio Memoriae è la mostra del collettivo internazionale Hvallo, composto da 14 artisti: Lisa Böttcher, Antonio Conte, Jonata Desogus, Katharina Forster, Sebastian Klug, Andrea Linß, Marco Loddo, MadVision, Giuliana Pugliese, Giordano Quaresima, Veronica Rastelli, Gerardo Rosato, Jan-Peter E.R. Sonntag, Franco Zalazar.

La mostra, esposta a Berlino nel 2022 presso la Vulkanfiberfabrik die Werder/Havel e la prigione di Köpenick, la scorsa primavera è stata presentata in anteprima al Museo archeologico di Sarno, in collaborazione di Nuova Officina Onlus.

A cura di Emanuela Marmo, il progetto nasce con le ricerche di Giuliana Pugliese sulla storia negata delle brigantesse e dei briganti del Mezzogiorno d'Italia.

Grazie al contributo degli gli artisti venuti in seguito, il collettivo si è confrontato con i difficili temi della contemporaneità, indagando i rapporti di forza nelle dinamiche di trasformazione sociale e di contrapposizione. Il brigante, quindi, è diventato un archetipo e un prototipo. Le sue possibili varianti (il dissidente, il ribelle, il partigiano, l'attivista) provengono da luoghi ed epoche differenti eppure simili: sono i nativi scacciati dai loro confini, sono i guerriglieri, sono i fuggiaschi, gli ammutinati, sono i manifestanti. Sono uomini e donne che incarnano lo scarto esistente tra individuo e potere (politico, militare o economico che sia). I briganti sono la "storia difficile da raccontare" perché le biografie confondono la ricostruzione dei fatti o sono volutamente condannate all'oblio.

Dietro le proteste, le resistenze, la dissidenza quali sono le verità negate di oggi e di ieri?

I generi artistici che Hvallo esprime sono eterogenei.

Possiamo trovare tele pittoriche, come quelle della già citata Giuliana Pugliese o di Franco Zalazar (Buenos Aires), disegni, come quelli di Jonata Desogus. Possiamo però anche imbatterci in contribuiti inattesi, come quello dellacantante lirica Lisa Böttcher (Berlino) che, alla prospettiva maschile del compositore Daniel Auber sulle donne del brigantaggio, giustappone le "voci" originali di Maria Malibran e Alma Mahler, voci spesso dimenticate dalla tradizione operistica. Un punto di luce sul ruolo storico delle donne, oltre alle brigantesse ritratte a colpi di acrilico, olio e sabbia da Giuliana Pugliese, ricorre anche nelle installazioni di Veronica Rastelli (Napoli) che, pur nella correttezza filologica di dettagli specifici del brigantaggio, ci accompagna verso una dimensione più metaforica sui cicli vita-morte che connotano anche i fenomeni storici.

Il collettivo ospita pittori come Antonio Conte (Napoli), che gioca ironicamente con l'attendibilità della ritrattistica e le sue (false) mitologie, e scultori come Gerardo Rosato (Torino), che lega a fil di ferro il movimento delle masse popolari all'immedesimazione degli spettatori. Il principio compositivo, installativo non è mai accantonato, infatti si correla alle opere di Katharina Forster (Ruhrgebiet) che, attraverso l'utilizzo di materiale di facile reperibilità o di risulta, nel nostro caso i filtri del tè, ci parla di colonialismo, di neo-liberismo, mettendo in discussione il valore della notizia nella formazione della conoscenza.

Da segnalare l'opera di Andrea Linß che dà voce agli ucraini che hanno manifestato a Berlino contro la guerra di aggressione di Putin e contro i suoi crimini di guerra, le opere visuali del duo Madvision (Torino), i riassemblaggi di fotografia e paperwork di Sebastian Klug (Monaco), i lightbox di Giordano Quaresima (Roma), le maschere in gesso che Marco Loddo (Milano) ha realizzato nella prigione di Köpenick come opera nata sul luogo e per il luogo. A Salerno, i calchi in gesso acquistano un valore d'archivio, sono ormai quasi reperti.

 

Questa breve carrellata evidenzia chein qualsiasi linguaggio ci muoviamo, Hvallo si caratterizza per fluidità, attenzione politica, etica ed empatica, pertanto in ciascun artista e, tra gli artisti stessi, i segni, gli stili, le tecniche trapassano volentieri l'uno negli altri, con esiti seducenti e toccanti.

Durante l'inaugurazione di sabato 7 ottobre alle 19.00 il pubblico sarà coinvolto nella presentazione interattiva dell'opera di Jan-Peter E.R. Sonntag, che richiederà l'utilizzo simultaneo dei telefoni cellulari. I visitatori riceveranno dallo staff le informazioni necessarie per trasformare l'inaugurazione in una performance collettiva. Subito dopo assisteranno all'intensa performance degli allievi del Laboratorio di arti sceniche Duodanza (Sarno) che, con la regia di Carlo Roselli e le coreografie di Carmela Fiore, ci riporteranno ai fatti avvenuti a Genova nel 2001, durante il G8, esigendo la nostra attenzione, il nostro coraggio, le nostre risposte.

L'azione composta di immagini e suoni dell'opera di Sonntag e l'azione teatrale dei giovani attori di Duodanza sintetizzano il progetto curatoriale della mostra.

Damnatio Memorie, giungendo a Salerno, si arricchisce dei contributi del prof Giuseppe Foscari che venerdì 13 ottobrealle 19:00 accompagnerà i visitatori con una narrazione storica colloquiale, elegante e aperta al confronto: chi era e chi potrebbe essere il brigante? Foscari farà luce sugli aspetti controversi che riguardano questa figura. Il supporto di letture, alle quali i visitatori possono aggiungere proposte candidandosi come reader, permetterà alla ricostruzione storica di abbracciare gli spunti e le ferite della contemporaneità: memoria storica cancellata; dissidenza e resistenza; conflitto tra poteri coloniali e/o militari e comunità; conflitto tra memoria collettiva e narrazioni imposte dai vincitori; verità tramandate e verità celate...

A Damnatio memoriae si parla di lotta partigiana, degli scontri di polizia di Orgreave, dei fatti della scuola Diaz, dei desaparecidos, delle proteste degli ucraini contro la politica di Putin... "Di quale memoria cancellata vuoi parlarci tu?": così gli organizzatori invitano il pubblico a candidarsi come reader scrivendo a emanuelamarmo@gmail.com.

Oltre all'Incontro con la storia insieme al prof. Foscari, altro appuntamento per le letture condivise è fissato a domenica 8 ottobre alle 18:00.

Per concordare con la curatrice interviste o accedere a materiale di dettaglio e di approfondimento, scrivere a emanuelamarmo@gmail.com

 

Di seguito il programma completo:

sabato 7 ottobre:

ore 19:00: inaugurazione

a seguire: presentazione interattiva dell'opera di Jan-Peter E.R. Sonntag [il pubblico potrà interagire attraverso telefono cellulare]; performance teatro-danza degli allievi del Laboratorio di arti sceniche Duodanza, coreografie di Carmela Fiore, regia di Carlo Roselli.

domenica 8 ottobre:

ore 18:00: reading a cura di Emanuela Marmo.

venerdì 13 ottobre:

ore 19:00 Incontro con la storia insieme al prof. Giuseppe Foscari: chi era e chi è il brigante? L'incontro è animato da letture critiche. Il pubblico può proporre propri brani purché a tema: memoria e dissidenza; oblio e resistenza; conflitto potere-popolo; marginalità e potere; attivismo e contrapposizione. Per accreditarsi come lettori, scrivere a emanuelamarmo@gmail.com

 

domenica 15 ottobre:

ore 18:00: performance teatro-danza degli allievi del Laboratorio di corsi di arti sceniche Duodanza, coreografie di Carmela Fiore, regia di Carlo Roselli.

 

Facebook: https://www.facebook.com/profile.php?id=100081126265682 Instagram: https://www.instagram.com/artisti_in_movimento/
Per informazioni: emanuelamarmo@gmail.com

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Occhi su Salerno!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

Damnatio Memoriae, Salerno la mostra dedicata al brigantaggio Damnatio Memoriae, Salerno la mostra dedicata al brigantaggio
Damnatio Memoriae, Salerno la mostra dedicata al brigantaggio Damnatio Memoriae, Salerno la mostra dedicata al brigantaggio
Damnatio Memoriae, Salerno la mostra dedicata al brigantaggio Damnatio Memoriae, Salerno la mostra dedicata al brigantaggio

rank: 109123106

Cultura

“Donne innominate nella storia della Chiesa” se ne parla venerdì a Salerno presso l’Accademia Grassi

Prosegue la programmazione del Salotto Culturale "La Cultura dei Venerdì Letterari", promosso dall'Accademia Internazionale d'Arte e Cultura "Alfonso Grassi" di Salerno. Venerdì 7 giugno 2024, alle ore 18.15, presso la sede dell'Accademia, in via Porta Elina 9 (piazza Portanova), si terrà la conferenza...

Il Ministero della Cultura celebra l’Opera italiana con un evento straordinario all’Arena di Verona, in mondovisione RAI

Venerdì 7 giugno, il Ministero della Cultura, in collaborazione con Fondazione Arena di Verona, celebrerà il Canto lirico italiano patrimonio dell'umanità, in una serata eccezionale all'Arena di Verona. In una notte, le pagine più belle dell'Opera e, sullo stesso palcoscenico, i migliori interpreti al...

Salerno, alla Pinacoteca Provinciale la collettiva d’arte contemporanea "Mondi in scatola"

Si intitola "Mondi in scatola" la mostra collettiva d'arte contemporanea, ideata e curata da Raffaele Marone e Francesca Pirozzi, in programma alla Pinacoteca Provinciale di Salerno da sabato 8 giugno a domenica 7 luglio. La mostra propone al pubblico un percorso esperienziale intorno al tema della scatola...

Domeniche ad Arte: un viaggio tra lettura e musica

Il prossimo 26 maggio, la terza edizione di "Domeniche ad Arte" offre un'esperienza culturale imperdibile con la presentazione dell'albo illustrato "Maestro Albero", accompagnata da spettacoli musicali e di lettura. Salerno. Domenica 26 maggio 2024, alle ore 11, l'Area Archeologica di Fratte si animerà...

Ministro Sangiuliano visita la Certosa di Padula e annuncia autonomia dalla direzione museale di Napoli

Ieri, 17 maggio, il Ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, ha visitato la Certosa di Padula, il più grande complesso certosino d'Italia e Patrimonio UNESCO. Presso il refettorio del monumento si è svolto un incontro pubblico focalizzato sulle attività di promozione turistica e territoriale. Durante...

Occhi su Salerno - Il Magazine di Salerno

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.