Ultimo aggiornamento 1 ora fa B. Vergine del Carmelo

Date rapide

Oggi: 16 luglio

Ieri: 15 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Occhi su Salerno Costiera Amalfitana

Il Magazine di Salerno

Occhi su Salerno - Il Magazine di Salerno Il Magazine di Salerno

Caseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàSmall Boutique Hotel in Costiera Amalfitana, Villa Romana Hotel & SPAHotel Marina Riviera Amalfi - Luxury 4 Stars Holte in Amalfi - Swimming Pool - Bistrot - Gourmet

Tu sei qui: PoliticaAutonomia, Vietri (FdI): «Voto parlamentari Sud è garanzia che non spacca l’Italia»

Pasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830

Politica

Autonomia differenziata, Fratelli d'Italia, Imma Vietri

Autonomia, Vietri (FdI): «Voto parlamentari Sud è garanzia che non spacca l’Italia»

"Basta strumentalizzazioni. Il voto favorevole dei parlamentari meridionali è la garanzia che si tratta di una riforma non contro il Sud, ma di un’occasione importante per il Sud per cambiare passo rispetto ad anni di decrescita e malgoverno”, dichiara la deputata salernitana di Fratelli d’Italia Imma Vietri.

Inserito da (Redazione il Vescovado Notizie), venerdì 21 giugno 2024 16:20:06

"Sull'Autonomia differenziata è arrivato il momento di fare chiarezza in risposta alla campagna di disinformazione davvero infondata e strumentale delle opposizioni. Il voto favorevole dei parlamentari meridionali è la garanzia che si tratta di una riforma non contro il Sud, ma di un'occasione importante per il Sud per cambiare passo rispetto ad anni di decrescita e malgoverno". Lo dichiara, in una nota, la deputata salernitana di Fratelli d'Italia Imma Vietri.

"In primis va precisato che l'Autonomia, che era nel programma di governo del centrodestra, non è stata approvata l'altro giorno alla Camera con il ddl Calderoli, ma è in Costituzione dal 2001 con una riforma che ha voluto la sinistra. La stessa sinistra che oggi grida allo scandalo per lo Spacca-Italia. Non solo, ma nella Nadef del 2018 (Governo Conte I), del 2020 (Governo Conte II) e del 2021 (Governo Draghi), il Parlamento stabilì che la legge applicativa dell'articolo 116, comma 3, della Costituzione, dovesse figurare come collegato alla legge di bilancio. E Francesco Boccia del Pd, da ministro degli Affari regionali del governo giallorosso guidato da Conte, confermò che l'Autonomia era un punto qualificante del programma di Governo di cui faceva parte. Ora, invece, si dicono tutti contrari. Inoltre, da campana, ricordo che il governatore De Luca, del Pd, chiese pochi anni fa, nel 2019, in ragione di un preciso mandato del Consiglio Regionale, di poter stipulare una pre-intesa con lo Stato per attuare proprio l'Autonomia differenziata che oggi contesta. Lo stesso fece l'anno prima il suo collega dell'Emilia Romagna Bonaccini, anche lui del Pd".

"Il Parlamento - aggiunge - ha dato il via libera alla riforma attuando l'articolo 116 della Costituzione, che prevede la possibilità per le Regioni di ottenere forme e condizioni di autonomia attraverso un'intesa con lo Stato, il quale dovrà garantire comunque i Lep (Livelli essenziali di prestazione) superando la logica della spesa storica, una delle principali cause del gap attualmente esistente tra Nord e Sud. Tra l'altro, la riforma è affidata a trattative che si avvieranno tra Stato e Regioni nei prossimi due anni. Nel frattempo, i cittadini del Sud con estrema fiducia devono porsi le seguenti domande: come si vive oggi nel Meridione? Meglio o peggio del Centro-Nord? Quali sono attualmente le condizioni della sanità pubblica, dei trasporti, dei servizi, delle strade, del funzionamento della pubblica amministrazione? Di chi sono le responsabilità? Fino a quando il Meridione non avrà il coraggio di alzare la testa attraverso l'auto-responsabilizzazione e l'auto-governo sarà sempre condannato a dipendere dagli altri, a chiedere soldi che arrivano ma poi vengono spesi male com'è accaduto fino ad oggi", conclude Vietri.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Occhi su Salerno!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

Vietri, Cirielli e Gambino Vietri, Cirielli e Gambino

rank: 10545105

Politica

Caso Coscioni, Tommasetti: «L’istituzione va difesa, lasci il suo posto a Unisa»

"Dopo la sentenza della Corte di Cassazione, il dottor Coscioni deve lasciare la sua cattedra a contratto all'Università di Salerno". Lo ribadisce Aurelio Tommasetti, consigliere regionale della Campania della Lega, il primo a sollevare il problema dell'insegnamento affidato al primario della Torre Cardiologica...

Aeroporto di Salerno-Costa d’Amalfi, Cammarano e Villani: «È realtà soltanto grazie al Movimento 5 Stelle!»

«Oggi è un giorno storico per la Campania. L'aeroporto di Salerno-Costa d'Amalfi sarà uno straordinario volano per l'economia della nostra regione, decongestionerà Capodichino e consentirà a tutti di conoscere le bellezze della nostra terra, come le nostre amate aree interne. Per amore della verità,...

Aeroporto Salerno, Ferrante (Mit): «Traguardo storico, territorio mette le ali. Ora priorità metro»

"La storica riapertura dell'Aeroporto di Salerno Costa d'Amalfi, potenziato nelle strutture e nelle capacità, costituisce la pietra miliare del percorso di rilancio della provincia salernitana, della Campania e del Mezzogiorno che il Governo sta portando avanti. Siamo qui oggi per inaugurare un'infrastruttura...

Campania. Ferrante (Fi): «Assegnati 388 mln di fondi FSC a Regione, ora accelerare interventi»

«Il Governo conferma la sua grande attenzione per lo sviluppo della Campania, consentendo di realizzare investimenti cruciali per rafforzare la coesione sociale e superare gli squilibri economici. Con la delibera approvata dal Cipess sono stati assegnati alla Regione Campania oltre 388 milioni di euro...

Autonomia differenziata, Campania prima regione a chiedere referendum abrogativo

Ieri, 8 luglio, il Consiglio regionale della Campania ha approvato a maggioranza la proposta di delibera per la richiesta di un referendum abrogativo della legge sull'autonomia differenziata. Il primo quesito, che prevede la richiesta di abrogazione completa della legge, ha ottenuto 36 voti favorevoli,...