Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Massimo vescovo

Date rapide

Oggi: 29 maggio

Ieri: 28 maggio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Occhi su Salerno - Il Magazine di SalernoOcchi su Salerno Costiera Amalfitana

Il Magazine di Salerno

Energia in Costiera Amalfitana: Sicme è il fornitore di Gas e Luce che garantisce affidabilità e supporto direttoRoyal Infissi la qualità di infissi in alluminio, legno e pvc, porte blindate, porte per alberghi, strutture ricettive, Bed and Breakfast, Ospitalità di qualitàMielePiù, la scelta infinita - Atripalda e Salerno, 8000mq di esposizione con Vendita Arredo Bagno, leader in CampaniaGenea Consorzio energetico, progettazione, energie rinnovabili, impianti fotovoltaici, efficienza energeticaCardine SRL, lavori in quota, protezione, prevenzione, pannelli in fune d'acciaio, lavori di edilizia, interventi urgenti post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoHotel in Amalfi, Hotel Amalfi Coast, Albergo di Charme in Costiera Amalfitana, Luxury Hotel, Hotel Marina RivieraAcquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Pasticciere Sal De Riso Luxury Hotel Santa Caterina in Amalfi Petrillo Moda con le migliori marche italiane e straniere è garanzia di stile, eleganza e convenienza e, con un'esposizione di oltre 400mq, vale una visita a Contursi Terme.

Occhi su Salerno

Energia in Costiera Amalfitana: Sicme è il fornitore di Gas e Luce che garantisce affidabilità e supporto direttoRoyal Infissi la qualità di infissi in alluminio, legno e pvc, porte blindate, porte per alberghi, strutture ricettive, Bed and Breakfast, Ospitalità di qualitàMielePiù, la scelta infinita - Atripalda e Salerno, 8000mq di esposizione con Vendita Arredo Bagno, leader in CampaniaGenea Consorzio energetico, progettazione, energie rinnovabili, impianti fotovoltaici, efficienza energeticaCardine SRL, lavori in quota, protezione, prevenzione, pannelli in fune d'acciaio, lavori di edilizia, interventi urgenti post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoHotel in Amalfi, Hotel Amalfi Coast, Albergo di Charme in Costiera Amalfitana, Luxury Hotel, Hotel Marina RivieraAcquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Pasticciere Sal De Riso Luxury Hotel Santa Caterina in Amalfi Petrillo Moda con le migliori marche italiane e straniere è garanzia di stile, eleganza e convenienza e, con un'esposizione di oltre 400mq, vale una visita a Contursi Terme.

Tu sei qui: Salute e BenessereNotte insonne in Costiera Amalfitana, in apprensione per il presunto caso di coronavirus

Salute e Benessere

Coronavirus, Psicosi, Panico, le cose da sapere, 2019-nCoV

Notte insonne in Costiera Amalfitana, in apprensione per il presunto caso di coronavirus

ecco alcune informazioni importanti sul virus che sta seminando più panico che contagi

Scritto da (admin), domenica 23 febbraio 2020 08:42:10

Ultimo aggiornamento domenica 23 febbraio 2020 09:09:36

Mentre si attende il risultato dei test effettuati sul presunto caso di coronavirus in Costiera Amalfitana (leggi qui l'articolo) facciamo chiarezza su questo episodio.

Il ritardo del tampone è dovuto sostanzialmente al caos scatenatosi a Napoli, letteralmente preso d'assalto l'ospedale preposto alla verifica dei casi sospetti. Un panico generalizzato che ha congestionato il normale lavoro dei sanitari del nosocomio napoletano. (leggi qui l'articolo)

Non insiste al momento alcuna preoccupazione sulle condizioni di salute dell'uomo, originario di Scala, che ieri si è recato presso il pronto soccorso di Castiglione e dove ancora adesso è isolato insieme ai medici e agli infermieri che erano di turno.

Condividiamo un preciso post, pubblicato da Claudio Floreani sul gruppo Facebook "Chi ha paura del buio?" un lavoro di e raccolta fonti encomiabile che pubblichiamo integralmente:

Il virus responsabile dell'ultima epidemia il cui focolaio è stato identificato a Wuhan nel Dicembre 2019 è stato denominato provvisoriamente "2019-nCoV", ed è stato poi classificato con il nome di "SARS-CoV-2" dall'International Committee on Taxonomy of Viruses (ICTV).

Come tutte le malattie respiratorie, l'infezione *può* dare solo lievi sintomi come naso che cola, mal di gola, tosse o febbre, questo sembra l'esito più comune (81% dei casi secondo il più esteso rapporto stilato finora, dal Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie della Cina (CCDC)) *In alcuni casi* può coinvolgere vie respiratorie più profonde e degenerare in polmonite.

*Tutte le polmoniti sono gravi*, ma mentre per la maggior parte di quelle che conosciamo da tempo abbiamo cure adeguate, per questa ancora non si conosce la cura più efficace. Al momento la malattia sembra essere *molto contagiosa*, ma non al punto da essere considerata una pandemia, e per questo anche le persone asintomatiche possono trasmetterla, e le categorie più a rischio sono le persone che lavorano a stretto contatto con animali o trattano prodotti crudi di origine animale, e tutto il personale medico-sanitario.

Sembra che la gravità dei sintomi cresca con l'età, sia minima nei neonati e nei bambini e aumenti soprattutto dopo i 40 anni.Qual'è la mortalità del SARS-CoV-2? Anzitutto occorre fare chiarezza su cosa si intende per "mortalità": la *mortalità (%)* è data dal rapporto tra morti a causa del patogeno e il totale della popolazione (globale o di un'area in esame). Quando si considera il rapporto tra i decessi e il numero di infetti, si parla invece di *letalità (%)*. Entrambi i numeri sono dati da due semplici divisioni e sono solitamente espressi in percentuale, ma il loro calcolo è tutt'altro che semplice.

Anzitutto perché non è chiaro quale sia il tempo massimo tra il contagio e la guarigione (o il decesso), anche se per malattie simili è mediamente di 1-2 settimane, o perché spesso la morte interviene per una concomitanza di fattori e spesso non è chiaro quale sia il principale responsabile. Ad esempio ancora non si sa come conteggiare il recente decesso di un'anziana affetta da Coronavirus ma probabilmente morta di infarto. Nel caso dei Coronavirus (ma anche dell'Ebola) è possibile comunque affermare con relativa tranquillità che la *mortalità* globale è dello 0,000%, ben più grave è invece la mortalità di altre malattie come la malaria (3%) o tubercolosi (circa 0,13%). La mortalità è comunque strettamente collegata alla letalità il cui calcolo è ancora più difficile, perché spesso una stima accurata del numero di contagi può essere fatto solo quando la malattia è stata debellata o ha la sua diffusione non è più in aumento.

Non ha senso parlare di letalità quando la maggior parte delle persone contagiate è ancora ammalata.Nel caso del SARS-CoV-2 la *letalità* è stata stimata attorno al 2,5% facendo un'immediata divisione tra numero totale di pazienti deceduti in seguito a ricovero per Coronavirus e il numero cumulativo di contagi accertati.La percentuale di letalità potrebbe essere profondamente sbagliato, perché il numero di contagi è stato inizialmente taciuto e poi sottostimato, ma soprattutto perché se la malattia fosse nella maggior parte dei casi asintomatica e guarisse spontaneamente, la letalità potrebbe essere minima. Inoltre le persone guarite spontaneamente potrebbero essere contagiose fino ad quattro settimane dal contagio. Ma soprattutto perché è molto difficile conteggiare i pazienti asintomatici guariti spontaneamente. Il *tampone* in uso per identificare il virus viene eseguito solo sui pazienti a forte rischio 2019-COVID, che sono probabilmente molti meno dei contagiati, e non funziona se siete guariti (e quindi avete gli anticorpi per il virus, ma non il virus). Rilevare gli anticorpi su pazienti sani è molto difficile, soprattutto per un nuovo virus, e viene fatto solo in casi sporadici.Il fatto che non siano stati individuati i responsabili del contagio dell'anziano deceduto a Monselice e del paziente diagnosticato a Codogno potrebbe essere preoccupante (sopratutto dal punto di contenimento dell'epidemia) ma sarebbe rassicurante dal punto di vista della letalità.È anche importante chiare che una percentuale del 2,5% di *letalità non è la probabilità di morire* se si contrae il virus. Le cure adeguate e la predisposizione individuale (legata all'età, alle proprie condizioni di salute, ecc) e numerosi altri fattori possono portare questo valore vicino allo zero o ben al di sopra del 2,5%.Come per tutti le malattie da raffreddore, il virus non se ne va a spasso nell'aria, ma può essere trasportato per qualche metro da "*droplets* (Flügge Droplet)": goccioline respiratorie generate da tosse, starnuti o contatto con mucose, come occhi, naso o bocca. La trasmissione può anche avvenire indirettamente toccando superfici contaminate e toccando successivamente le mucose.I virus normalmente sopravvivono poco all'esterno degli organismi ospite, quindi la carica batterica sulle superfici diminuisce rapidamente, a meno che non trovi un ambiente particolarmente favorevole (temperatura prossima a 4ºC, corrette condizioni di luce e umidità).

Per questo motivo i metodi più efficaci *per evitare il contagio*, da Coronavirus o da altri raffreddori, sono:

  1. Stare a distanza di sicurezza (qualche metro) da chi potrebbe essere infetto;
  2. Non toccarsi mai il viso con mani non lavate;
  3. Nel caso dei Coronavirus, siccome la maggior parte di quelli gravi sono portati da animali e non si conosce l'origine del SARS-CoV-2, è anche raccomandato prestare agli animali la stessa attenzione che si ha con persone infette, e non consumare alimenti animali crudi, specie se non trattati.

I metodi più efficaci *per non contagiare* gli altri sono:

  1. Stare a casa! Meglio se da soli, o in ambienti separati. Lavorare a contatto con gli altri quando si è ammalati è una delle pratiche più diffuse e sbagliate!
  2. Soffiarsi il naso in fazzoletti monouso e gettarli in sacchi chiusi;
  3. Parare sempre starnuti e colpi di tosse, meglio utilizzando il gomito e non le mani;
  4. Lavarsi spesso le mani;
  5. Non condividere bagno, letto, tessuti, e alimenti con altre persone.

A questo punto dovrebbero essere anche chiare queste cose:

  1. Le *mascherine* servono per non contagiare altri tramite respiro, starnuti e colpi di tosse, e sono inutili a meno che non stiate spesso a meno di 1 metro da altre persone o animali, specie con molti estranei. Sono quindi raccomandate per il personale medico sanitario. Ma anche in questi casi la mascherina attenua solamente il rischio, se diventa umida e resta a contatto con bocca e naso è praticamente inutile contro il contagio. Sicure sono solo le maschere con adeguati filtri per il rischio biologico, in corrette condizioni di manutenzione;
  2. Gli *antibiotici* sono inutili (contro tutti i virus) se non avete concomitanti malattie batteriche;
  3. In realtà non esiste ancora una cura, quindi assumere *farmaci* a caso è inutile. Se avete solo una leggera influenza la cosa migliore è trattarla come tale e stare a riposo a casa. Il riposo è molto importante visto che il vostro organismo è il principale responsabile della guarigione.

Se avete sintomi da raffreddore in rapido peggioramento, o siete stati a contatto con persone risultate positive al SARS-CoV-2, NON ANDATE IN PRONTO SOCCORSO. Invece state lontani da altri e chiamate il numero 112 che valuterà ogni singola situazione e l'eventuale necessità di un ricovero o di eseguire un tampone a domicilio.Per informazioni generali invece non chiamate il 112 ma il numero 1500 di pubblica utilità attivato dal Ministero della Salute.

 

(Some) Links/Sources/References

  1. https://www.lombardianotizie.online/coronavirus-indicazioni/
  2. http://blog.ilgiornale.it/locati/2020/02/05/coronavirus-vi-spiego-perche-lisolamento-e-inutile/
  3. https://www.ilpost.it/2020/02/18/studio-ccdc-nuovo-coronavirus/
  4. https://www.who.int/news-room/q-a-detail/q-a-coronaviruses
  5. https://link.medium.com/ddGcsVLRh4
  6. https://towardsdatascience.com/why-the-coronavirus-mortality-rate-is-misleading-cc63f571b6a6
  7. https://www.livescience.com/why-kids-missing-coronavirus-cases.html
  8. https://www.who.int/publications-detail/world-malaria-report-2019
  9. https://www.who.int/news-room/fact-sheets/detail/tuberculosis
  10. https://www.who.int/emergencies/diseases/novel-coronavirus-2019/situation-reports/
  11. https://www.ecdc.europa.eu/sites/default/files/documents/SARS-CoV-2-risk-assessment-14-february-2020.pdf

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Occhi su Salerno!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank:

Salute e Benessere

Salute e Benessere

Un particolare «scudo genetico» ha protetto il Sud dal Covid-19, lo studio del ricercatore Antonio Giordano

Uno «scudo genetico» potrebbe aver protetto l'Italia del Sud dall'alto contagio e dall'elevato tasso di mortalità del Sars-CoV-2 che hanno travolto le regioni del Nord. «L'ipotesi è da validare prima di trarre conclusioni certe, ma è già fondata su solide basi scientifiche», spiega all'AdnkronosAntonio...

Salute e Benessere

Fondazione Gimbe dice “no” a mobilità interregionale: «Lombardia, Liguria e Piemonte accantonino egoismo»

Lombardia, Liguria e Piemonte non sono pronte alla riapertura. L'altolà arriva dalla Fondazione "Gimbe", che analizza i dati della Protezione Civile e monitora la situazione fin dall'inizio dell'emergenza. Dopo aver denunciato un «numero medio giornaliero di tamponi diagnostici incredibilmente esiguo...

Salute e Benessere

«Il virus al Sud ha perso la sua aggressività», l’intervista di Repubblica al medico salernitano Bacco

«Questo virus non solo muta, ma grazie a queste evoluzioni sta acquisendo capacità di diffondersi in modalità diverse. Il virus che circola in questo momento al sud, e credo tra un po' al nord, ha una capacità aggressiva minore». Lo ha detto in un'intervista a Repubblica il medico legale salernitano...

Salute e Benessere

Guanti in lattice o nitrile introvabili, gli esperti: «Spesso sono inutili, l'importante è lavare le mani»

È accaduto con i gel disinfettanti, poi con le mascherine; adesso sono i guanti in lattice o in nitrile ad essere introvabili. Ma gli esperti tranquillizzano: «Spesso sono inutili». Basta non toccarsi il volto finché non si rientra a casa. Se, infatti, si indossa un guanto e si tocca qualcosa di contaminato,...